Sinusite

Sinusite:

La sinusite è un’infiammazione acuta o cronica di una o più cavità presenti nel volto, a livello dello scheletro del cranio, i seni paranasali. I seni mascellari, frontali, etmoidali, sfenoidali fanno parte delle vie aeree e comunicano con le cavità nasali attraverso un sistema di canalicoli che terminano negli osti (aperture). Quando un seno è infiammato, l’ostio viene ostruito e ciò può avvenire a causa soprattutto di batteri, funghi o virus. L’infezione, dovuta a un ristagno di secrezioni all’interno dei seni, può propagarsi dalle cavità nasali (infezioni nasali, allergia, ipertrofia dei turbinati, penetrazione di sostanze estranee, ecc.), avvenire in corso di malattie infettive (influenza, rinite, malattie esantematiche, ecc.), per cause odontostomatologiche (implantologia, rivitalizzazioni, estrazioni dentarie, ecc.), traumatiche, per brusche variazioni della pressione esterna (sub, tuffatori, piloti, nuotatori, ecc.).

I sintomi della sinusite sono febbre, mal di testa, dolore locale alla palpazione, tosse, anosmia, secrezione nasale giallastra (pus), scolo faringeo, secrezioni nasali che scorrono verso le coane. Sono condizioni che impediscono il passaggio dell’aria attraverso le prime vie aeree e la normale funzione delle cellule cigliate che spingono il muco verso l’esterno, per cui si crea un ristagno delle secrezioni che favorisce l’infezione. Il sintomo più evocativo è il dolore al volto, che è ciò che fa distinguere immediatamente il raffreddore dalla sinusite.

La sinusite acuta dura da una a poche settimane, la sinusite cronica dura da oltre sei mesi, la sinusite ricorrente se nel corso dell’anno si hanno tre o più episodi. Per la diagnosi è importante effettuare una visita dall’otorinolaringoiatra.