Dita a martello

Dita a martello:

Avere le dita a martello significa avere un piede deformato che compromette la postura e di conseguenza la salute della schiena.

Quello delle dita a martello è un problema molto diffuso soprattutto tra le donne: il rapporto è di uno a cinque rispetto agli uomini. È una vera e propria patologia del piede perché, se trascurato, il dito a martello può provocare altri problemi e accentuare dolori e disagi.

Il dito a martello si riconosce con facilità: una delle dita del piede assume una conformazione arcuata, come quella di un martelletto, appunto, e inevitabilmente si sovrappone al dito accanto costringendo tutto il piede a modellarsi di conseguenza.

I sintomi delle dita a martello sono sia visivi che sensoriali: si vede a occhio nudo che il dito è deformato, e si sente quasi da subito un dolore trafittivo all’altezza della falange curvata.

La principale causa del disturbo è l’alluce valgo, quando il primo dito del piede esercita una forte pressione sulle altre dita costringendole, in alcuni casi, ad accavallarsi pur di trovare il proprio spazio. Non meno importante è la scelta delle calzature: scarpe strette in punta e dal tacco troppo alto forzano la naturale forma del piede. In questo modo, il dito più costretto sfrega contro la tomaia delle scarpe fino a provocare la formazione dei calli.

Al di là delle cattive abitudini, all’origine delle dita a martello possono esserci anche alcune componenti genetiche oltre che patologie importanti, come per esempio l’artrite reumatoide, l’artrosi, il tunnel tarsale e le fratture non corrette.

Cosa fa il podologo per curare le dita a martello? Dipende dalla gravità. Il medico può innanzitutto prescrivere un antidolorifico per ridurre il dolore, e poi intervenire sulle dita a martello in diversi modi:

    • indicare l’uso di specifiche calzature
    • indicare l’uso di ortesi – protesi in silicone
    • indicare l’uso di adeguati plantari
    • operare con la chirurgia percutanea che elimina le dita a martello in pochi minuti.

Non possiamo modificare i nostri geni né agire in breve tempo su eventuali malattie importanti, ma possiamo correggere le cattive abitudini e rivolgerci al podologo appena sentiamo un dolore o notiamo una forma strana dei nostri piedi.